Il segreto di un caffè perfetto

MILANO – Uno dei quesiti che più tormentano gli amanti del chicco, forse finalmente ha trovato una risposta. E non una qualsiasi, ma una che può contare su basi scientifiche. E dunque: qual è il segreto di un espresso perfetto?

La risposta non viene da un barista Mondiale caffetteria o un professionista dell’assaggio, ma dal convegno dell’American Chemical Society (ACS) che tiene in questi giorni il suo 255° meeting nazionale a New Orleans negli Stati Uniti.

Caffè perfetto: esiste ed è replicabile

La bella e inedita ricerca presentcoffee-beans-691761_960_720ata al congresso è andata ad indagare le variabili alla base della buona riuscita di un espresso. Dalla macinatura, al packaging, alla pressione dell’acqua, all’acqua stessa. Sino alla chimica dei minerali.

Non è solo questione di gusto

Secondo gli autori, se tutte le caffetterie americane applicassero l’algoritmodell’espresso perfetto indicato da questa ricerca, si potrebbe arrivare a risparmiare qualcosa come 300 milioni di dollari l’anno. Riducendo così la quantità di caffè utilizzata e migliorando la riproducibilità dell’espresso ‘doc’.

Christopher H. Hendon, autore della ricerca

Non è nuovo a questo interesse precipuo per il caffè che gli ha valso il titolo di ‘dr. Coffee’. Già da tempo il suo laboratorio si sta cimentando nell’analisi delle diverse variabili che possono far risultare un caffè completamente diverso dall’altro. Nel bene o nel male.

Il segreto è, in gran parte, nell’acqua

La ‘durezza’ di un acqua ad alto contenuto di calcio e magnesio, dona al caffè un carattere forte. Mentre un’acqua con meno cationi conferisce alla bevanda nera un gusto più morbido, dolce.

Se l’acqua contiene anche molti bicarbonati, ne risulterà un caffè dal sapore un po’ più amaro.

Ma la questione è sempre se caffè va conservato in frigorifero

Altro fattore determinante è la freschezza dei chicchi di caffè. Un caffè appena uscito dalla torrefazione contiene anidride carbonica e altre sostanze che possono disperdersi facilmente nell’aria.

Più il tempo passa, più questi composti volatili abbandonano il chicco di caffè, rendendo quel caffè meno saporito. Le basse temperature rallentano il tasso di evaporazione. Ecco perché, conservare il caffè in frigorifero, ne prolunga la durata di conservazione.

Il segreto della macinatura

Il caffè non va macinato troppo fine – proseguono i chimici americani – perché le particelle che lo compongono, se troppo fini, si ‘incollano’ le une alle altre e questo nealtera l’estrazione.

Ma è anche vero che fino ad un certo punto, un grado fine di macinatura aumenta la superficie di estrazione e questo rende più gustoso l’espresso.

Il segreto insomma sta anche nello spegnere per tempo il macinino

Senza accontentarsi di una macinatura grossolana, ma senza neppure esagerare. Anche il macinacaffè insomma può avere un impatto significativo nel risultato.

L’estrazione

Nell’estrazione dell’espresso è importante che l’acqua permei uniformemente la polvere di caffè.

Un processo non possibile con la preparazione del caffè ‘americano’, quello ‘filtrato’. Perché nelle macchine per il caffè americano, l’acqua percola principalmente nella parte centrale, sfiorando appena la polvere di caffè più marginale. A meno che non intervenga la mano dello specialista addestrato alla bisogna, con i suoi movimenti circolari.

Il test pratico

A questo punto,13615435_1204157859628414_1530454627911486677_n avendo appurato tutti questi dettagli, i ricercatori americani sono passati agli esperimenti sul campo. Chiedendo aiuto ai baristi professionisti.

E da questa joint venture è nata la ricetta del caffè perfetto.

“Predeterminando il rapporto caffè/acqua, come anche la pressione dell’acqua, è possibile ottenere un’estrazione massimale in maniera sistematica.

Facendo attenzione a tutte queste variabili, il barista può piano piano migliorare la riproducibilità dell’espresso. Riducendo lo spreco della polvere di caffè”.

I prossimi step

Consisteranno nello studio dell’impatto della temperatura durante la macinatura del caffè; l’idea (da provare) è che i chicchi di caffè raffreddati subiscano una macinatura più uniforme. Fatto questo, che contribuisce alla buona riuscita dell’espresso.

 

Fonte: Comunicaffè

Written by

Vendita e assistenza attrezzatura da bar. Comodato d'uso gratuito di macchine da caffè a cialde e capsule per casa e ufficio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>